venerdì 6 settembre 2013

NO ALLA LEGALIZZAZIONE DELLE DROGHE LEGGERE..I NOSTRI PERCHE'

Ciao a tutti/e,
nella nostra società di solito si va dietro a mode momentanee e si parla sempre dell'argomento del giorno. Oggi di una presunta showgirl, domani di un famoso calciatore e delle bizze capricciose che hanno. Ci sono argomenti pero che sono evergreen, dove il dibattito è sempre aperto e dove ci sono spesso duri confronti.

Uno di questi è la legalizzazione delle droghe leggere. Un argomento spinoso dove in tanti dicono la loro in un modo molto confuso. Come avrete sicuramente capito dal titolo del articolo, sono totalmente contrario a legalizzare questo tipo di droghe, che poi con il termine "droghe leggere" si intende solitamente il famoso spinello.
Chi è favorevole, solitamente da come motivazioni, il fatto che si lascia libera la persona sulla decisione del..dafarsi(in tutti sensi..permettetemi la battuta). Altra motivazione, di chi è favorevole, è, quella che in questo modo, si combatte la malavita organizzata che ha il monopolio su questa attività. O ancora che fumare un qualcosa di proibito aiuti un pò a "sballarsi" e nulla più, poi se si vuole smettere si smette.

Già, perchè un giovane ad esempio, nel pieno del suo vigore, per divertirsi o sballarsi ha bisogno necessariamente di una "canna". Un pò deboli come motivazioni. Mi permetto un pò smentirle, sempre nel rispetto di chi ha un opinione diversa dalla mia e spero che anche il mio modo di pensare venga rispettato, anche perché non è che se una cosa piace automaticamente non fa male.
Tornando a noi, i giovani son giovani, son belli per questo, perchè sono spontanei, vivi, pieni d'un energia che ad averne fino a 100 anni! Per divertirsi hanno bisogno solo di stare insieme, di essere amici o anche fidanzati perchè no?!?
Hanno il desiderio di uscire, di farsi conoscere, di urlare al mondo: "ci sono e sono bello, sano e forte!"
Di certo per essere euforici non hanno bisogno di farsi o strafarsi, per avere ancor più energie, gli basta fare solo un pò di allenamento in una palestra o magari una bella dormita e tutto ciò che gli alteri i sensi..potrebbe essere inutile se non dannoso.

Per quel che riguarda la libertà individuale di decidere per la propria vita, beh..non è che tutto ciò che si decide è necessariamente utile, lecito o fa bene. In particolari momenti di debolezza si prendono decisioni anche assurde che fanno commettere altri errori, magari più gravi con pesantissime conseguenze.
Non solo, se si decide di legalizzare il tutto, poi si decide anche eventualmente di pubblicizzare il "nuovo articolo", immaginate la scena, tabaccherie, drogherie(che stavolta la vendono davvero) ed altri negozi che si mettono a vendere droghe con cartelli che la pubblicizzano! Assurdo quanto meno.

Pensate anni fa, quando in tv facevano spot in tv sulle marche di sigarette, tutto diventò normale e quasi tutti fumavano, con una conseguenza: chi vendeva sigarette, si è arricchito e chi le fumava si è preso una bronchite..quelli che hanno avuto la sorte migliore. L'unico modo per far diminuire i fumatori è stato quello di aumentare le sigarette a 5 Euro al pacchetto! Se ora si legalizzasse e sponsorizzasse la cannabis per esempio, cosa accadrebbe? Quanti ragazzi dai 16 anni in su inizierebbero a consumarla? E quanti poi farebbero il passo dalla droga leggera a quella pesante? Poi che facciamo, legalizziamo anche quella? O chi prende il vizio poi si rivolge alla criminalità? Non dimentichiamo, è vero che non tutti quelli che iniziano a fumare lo spinello diventano drogati, però tutti quelli che sono diventati drogati hanno iniziato con lo spinello!

Anche quello che la legalizzazione delle droghe leggere, serva a combattere la malavita organizzata e non, è un luogo comune, anzi secondo me, la rafforzerebbe. La malavita, si chiama cosi, perchè al loro interno sono abituati a delinquere, a fare ciò che vogliono e a non accettare le regole dello stato. Quindi ammettiamo ancora la legalizzazione e diamo la vendita ai negozi di tabacchi: quanto tempo ci impiegherebbero a predersi tutte le attività autorizzate dallo stato disponibili sul territorio italiano? Pochissimo tempo direi! E lo farebbero con soprusi nei confronti dei tabaccai onesti che lavorano ore ed ore tutti i giorni.
Senza poi i costi che lo stato avrebbe per disintossicare tutti! Spero di essere stato chiaro nel dimostrare il mio no alla legalizzazione delle droghe leggere e ci tengo a precisare, per chi pensa:"anche fumo ed alcool fanno male!", che anche quelli bene non fanno e in molti casi portano dipendenza. Bisogna anche dire che un bicchierino di buon vino non è che ti ammazzi ma che potrebbe fare bene(da studi scientifici).

Piuttosto cercherei di fare delle politiche per combattere questo fenomeno e per aiutare le famiglie a far capire ai loro figli che non esiste gioia e sballo più bello della gioventù e che il modo più bello di divertirsi è restando lucido, in modo tale da ricordare i bei momenti passati in compagnia anche quando gli anni passano.
Se volete lasciare un commento sull'argomento..sarò lieto di ospitarvi, a presto..