lunedì 14 ottobre 2013

CANE SPARA AL SUO PADRONE

Ciao a tutti/e,
oggi vi racconto una storia vera, accaduta qualche mese fa: Un cane ha sparato al suo padrone!
No, non è un regolamento di conti tra cane e padrone ma un incidente dovuto al possesso di armi da fuoco.
Il fatto è serio e poteva trasformarsi in tragedia, però, visto che è bene tutto ciò che finisce bene ci scherziamo un po' su con qualche riflessione.

L'episodio è successo in Florida, dove è facilissimo acquistare un arma da fuoco. Il protagonista è tale Gragory Dale Lanier di 35 anni ed il suo amico cane.
Il giovane va sempre in giro per lavoro e come molte persone li in America, possiede una pistola che teneva nascosta nel cruscotto. A suo dire, credeva che l'arma fosse scarica ma invece..
Un giorno entrando nel furgone, dopo un piccolo incidente, forse una frenata o forse un lieve tamponamento, la Beretta cade dal cruscotto, il povero cane, forse preso dallo spavento o forse voleva soccorrere il padrone, scalcia sull'arma e..parte un colpo che colpisce il trentacinquenne.
La ferita è stata lieve e l'uomo è riuscito ad uscire dal camioncino ed entrare nella sua auto fino alla stazione di servizio più vicina dove è stato soccorso da un amica.
Naturalmente sul posto è accorsa la polizia, che accertando il tutto..non ha arrestato il cagnolino!

Molti media, su internet e tv americane, hanno ironizzato sul fatto che il quadrupede non sia stato arrestato. E ci credo! Che colpa aveva il cane? Che l'aveva comprata lui la pistola? Ha forse procurato lui l'incidente o la frenata che sia? Si è solo spaventato come chiunque. Non è che voglia difendere i cuccioli ad oltranza, però..bisogna pur dire ciò che è giusto.
Piuttosto mi pongo altre domande: se al posto del cane ci fosse stato un bambino o un altra persona? Se il proiettile avesse preso un altra traettoria? Perché acquistare una pistola e tenerla comodamente nel cruscotto dove chiunque avrebbe potuto rubarla facilmente e fare una strage? Perché concedere porto d'armi e acquisto di esse cosi facilmente?

Spesso anche in Italia parliamo di facilitare l'acquisto di armi e armette varie però..conviene davvero?
Qualcuno obietterà che al giorno d'oggi un arma per difesa può sempre rivelarsi utile, però, dico: non leggiamo quotidianamente cosa succede negli stati dove le armi sono permesse?
In fondo ho sempre la sensazione(forse sbagliata e sinceramente lo spero) che chi acquisti un arnese del genere lo faccia quasi con il desiderio di utilizzarla prima o poi.
Piuttosto bisognerebbe chiedere come cittadini, di rafforzare i controlli e l'opera delle forze dell'ordine, in modo da garantire la sicurezza nelle case e per le strade ai cittadini almeno ad un livello del 100%.
Voi cosa ne pensate? Aspetto vostri autorevoli commenti
A presto...

Nessun commento:

Posta un commento