venerdì 6 novembre 2015

EX SOLDATO INGLESE SALVA BAMBINA E RISCHIA 5 ANNI DI CARCERE


Ciao a tutti/e,
per l'Europa quella che stiamo vivendo è un'epoca di migranti. Sebbene le migrazioni provengono da Africa ed Asia, il nostro continente è il vero protagonista di questo fenomeno.
Sparsi in tutti i paesi dell'unione, ci sono tanti campi di accoglienza. Di sicuro le situazioni sono difficili ovunque, ma alcuni di questi, sono sovraffollati. Uno dei campi si trova a Calais, in Francia.

I volontari fanno quel che possono ma, molti di queste persone che vengono dai continenti vicini, dormono su cartoni in condizioni non proprio ideali per un individuo che, solo per essere tale possiede tutti i diritti indispensabili per proteggere la sua persona e la sua dignità.
Tra questi volontari c'è un ex soldato inglese che si chiama Rob Lawrie, di 49 anni. Quest'uomo, corre il rischio di essere condannato a ben 5 anni di galera per contrabbando di bambini.

Ma lui tutto è(di buono) ma non un contrabbandiere. Il suo ruolo è portare tende ed altri attrezzi utili per il campo profughi. Un giorno, appena sceso dal suo camion, si imbatté in una bimba di nome Bahar, che appena lo vide, non fece altro che corrergli dietro. Rob, conobbe la sua famiglia. Brava gente che ha avuto la sfortuna di nascere in un luogo di guerra. Da questa conoscenza nacque un'amicizia con il padre che ha dei parenti a Leeds.
Purtroppo, sono pochi i profughi che da Calais riescono ad arrivare in Gran Bretagna e il genitore chiede al volontario di portare con se, nascosta, la piccola Bahar e consegnarla ai suoi parenti che vivono in Inghilterra con regolare permesso di soggiorno.
Rob che si è affezionato molto alla piccola e non accetta l'idea che la bambina passi una sola notte ancora in quel posto, acconsente all'idea.
Mette la piccola nascosta dietro al suo camion e arriva alla frontiera dove viene scoperto. Lui sperava di riuscire nell'impresa, ma ha fallito solo per un motivo: altri due profughi si erano nascosti nel portabagagli e i cani al confine hanno sentito il loro odore. Quindi è stato arrestato e a gennaio verrà processato per il suddetto reato.

L'ex soldato ammette di aver commesso un reato, lo definisce crimine di compassione. In fondo voleva solo portare in salvo una bambina(che nel frattempo è stata riaccompagnata nel campo profughi) in salvo e garantirgli una condizione di vita migliore. Forse ama Bahar come una figlia, come lo si può condannare quando due profughi si sono nascosti a sua insaputa?
Personalmente sono d'accordo è solo un crimine di compassione. Rob ha solo deciso di fare la cosa giusta: salvare una bambina di soli 4 anni che non si sa che fine farà. E' giusto fare controlli sui profughi ed è anche giustissimo far rispettare la legge ma, se quest'uomo ha detto la verità, un pò di compassione gli spetta di diritto. Speriamo bene.
A presto. 

Nessun commento:

Posta un commento