martedì 8 marzo 2016

LA FESTA DELLA DONNA DAL PUNTO DI VISTA MASCHILE


Ciao a tutti/e,
la festa della donna è arrivata e le frasi che si dicono in questa occasione sono sempre le stesse, quella che mi piace di più è: "la festa della donna dovrebbe essere 365 giorni all'anno!"
E chi dice il contrario? Anzi, sono d'accordo!
Premetto che tutto ciò che dirò in questo post non deve essermi assolutamente rivoltato contro! Tutto ciò che scrivo è solo per farci 4 risate. Inoltre premetto un altra cosa: ciò che sto dichiarando lo negherò davanti alle rappresentanti del gentil sesso che conosco dal vivo, al fine di evitare il cosiddetto..."paliatone".

Inizio col dire che noi maschietti dobbiamo ricordarci tutto l'anno delle signore, però...queste ultime si sono mai chieste come vivono questa festa i loro uomini? E' uno strazio!!!!!
Le donne sono esseri speciali, unici, dolci, dotati di una sensibilità nettamente superiore a quella del cosiddetto sesso forte. L'8 marzo però, sembra che i ruoli si invertano e noi ci facciamo la figura degli allocchi.
Le femmine, in questo giorno cambiano si vestono a guerra. Per rendere l'idea...tipo indiani prima di attaccare i cow-boy.
Si organizzano di nascosto, settimane prima, ma con discrezione, come se la festa fosse un qualcosa di tranquillo. Invece...fittano locali nascondendolo ai loro mariti. Pagano degli uomini muscolosi per spogliarelli da far paura.
Un povero maschietto che deve fare? Nulla, non può nemmeno minacciare quell'energumeno che si spoglia. E sfido è il doppio fisicamente!

Non solo, chi è maschio lo sa: mai passeggiare la sera della festa delle signore, ne va della nostra incolumità fisica e anche morale!
Ah, che ricordi! Quanti maschietti ho incontrato torturati da donne attempate! Si, perché ci sono dei tipi ganzi che escono quel giorno per rimorchiare, pensando di essere gli unici galli nel pollaio. Non immaginate quanti sono stati a rimorchio...trascinati dalle auto delle signore!
Non mi crederete, ma una volta, sprezzante del pericolo, ne ho salvato uno legato ad un palo ricoperto di schiuma da barba dappertutto e con un foglio attaccato all'altezza del viso con su scritto: siamo state noi! Che idea perfida: legare quel ragazzo e lasciare una firma non firma...noi chi?!?

Per non parlare poi di quelli che vivono la festa della donna con il terrore di essere traditi. Si mettono nelle loro case, davanti alla tv, con una birra, fanno finta di star male con la speranza che la loro donna non esca quella sera.
Alcuni la sera prima fanno jogging o un po' di flessioni a casa con la speranza di somigliare a quei spogliarellisti suddetti. Eh no! Ben vi sta, loro si allenano da decenni voi da dieci minuti.

C'è pure il tipo che promette fuoco e fiamme quella notte alla propria compagna, sussurrando da macho: "Cara, oggi è la festa della donna, facciamo un lungo festeggiamento a letto stanotte?"
Ovvio che la risposta sarà: "Ok caro, festeggio anche quei due minuti con te e poi esco...in fondo, te lo meriti!"
Sfido, non la corteggi per 364 giorni, non la fai sentire desiderata e poi? Pretendi che rinunci ad una serata organizzata da settimane?
Infine, c'è l'uomo "accazzimmato" e vendicativo. Il tipo peggiore che il 9 marzo fa trovare una montagna di piatti a sua moglie e tanti altri servizi da svolgere.

Su, cari colleghi maschietti, in fondo, le nostre donne sono libere come noi, di solito non fanno nulla di male(si spera), solo qualche bicchiere in più e tanti commenti da bar.
Non ci tradiscono mica, in fondo, amano noi nonostante tutto e tutti.
Poi parliamoci chiaro, noi uomini non siamo lungimiranti. In fondo, restiamo sempre un po' bambini. Anche noi amiamo le nostre donne, e vogliamo passare quella sera con loro per amore, quindi bisogna organizzarsi in tempo. Corteggiamole tutto l'anno, facciamole sentire desiderate tutti i giorni, doniamogli il rispetto e la gratitudine che meritano, in ogni momento della giornata e potete scommetterci: l'8 marzo lo passeranno con noi perché è con noi che vogliono passare tutti i momenti.
Trattiamole da principesse, baciamole come se fosse il primo ed unico bacio della nostra vita, amiamole come davvero desidera essere amata una donna: con il cuore!
Auguri di buona festa delle donne a tutte ma anche a tutti...
A presto.

Nessun commento:

Posta un commento