mercoledì 4 maggio 2016

LADRO RUBA IN CASA, VIENE MORSO DAL CANE E CHIEDE I DANNI


Ciao a tutti/e,
in questo manicomio succedono cose da pazzi, diceva il principe Antonio De Curtis, in arte Totò.
Sembra una battuta ma, mai come in questo caso la frase è "azzeccata" con precisione, sulla storia che sto per raccontarvi. Sembra inventata ma non lo è.

Qualche sera fa, un ladro di origine nord africana ha tentato di scassinare una casa privata, in provincia di Bergamo. Sottolineo la parola "privata"!
Sicuramente, avvengono furti tutti i giorni, in tutto il mondo, da ladri di tutte le nazionalità.
In questa casa con gli abitanti umani, vive anche un cane, un dobermann che, quando ha notato che il ladro stava svaligiando casa, come tutti gli amici fedeli dell'uomo, ha pensato bene di abbaiare prima e di attaccare poi l'uomo che, si era introdotto nella sua abitazione...privata!
Il cane ha morso il ladro. Tutto normale, accade così nella realtà, nei film e persino nei cartoni animati. Salvo il fatto che il ladro, ora ha denunciato cane e padrone, per ricevere un risarcimento.

A raccontarlo è il veterinario del dobermann che testualmente ha scritto su Facebook: "Ieri un mio cliente, proprietario di un dobermann, è stato convocato dalle autorità poiché il ladro magrebino che nella notte precedente ha cercato di entrare in casa è stato morso e ha sporto denuncia per essere rimborsato per il morso subito. Mi raccomando, ai vostri cani ad accogliere scodinzolando i malfattori in casa, insegnate loro le buone maniere e magari a condividere i biscotti con i ladruncoli, perché se mordono sono guai seri".

Come dice un altro proverbio: hanno messo la carne sotto e i maccheroni sopra?!?
Assurdo davvero, in quanto, la denuncia, il ladro avrebbe dovuto riceverla e non farla. Si è intrufolato in una proprietà privata senza autorizzazione, ha procurato danni al proprietario, ha rubato e la denuncia la fa lui per risarcimento? Perché non farla anche perché il cancello di casa era chiuso, o per mancanza di comitato di accoglienza?
Spero comunque che il giudice dia ragione al cane ed al suo proprietario, sia per un senso di giustizia, sia perché tifo per i cani e odio i delinquenti.
In caso contrario, non resta che dire come il principe diceva spesso: in questo manicomio succedono cose da pazzi. E qua stanno uscendo pazzi in tanti.
A presto.

Nessun commento:

Posta un commento