martedì 28 giugno 2011

NON BRUCIATE L'IMMONDIZIA!

Ciao a tutti/e,
soprattutto ai miei concittadini napoletani
Finora in questo blog ho trattato di argomenti leggeri, di curiosità, ma oggi vorrei parlare di un argomento un pò più serio. Anche se può sembrare scontato come cosa da dire ma è un informazione per il bene della popolazione napoletana e non solo.
In questi giorni, purtroppo, la nostra amata città è assediata da un problema che oramai abbiamo da anni: l'emergenza rifiuti.
Purtroppo i politici sia a livello nazionale, regionale, provinciale e cittadino, negli ultimi 20 anni non hanno voluto o non hanno saputo risolvere questo problema. Non ne faccio una questione partitica, in quanto destra, sinistra e centro hanno le loro colpe.
Tutta Italia ci da addosso dicendo che la colpa e nostra, di noi napoletani che non vogliamo fare la raccolta differenziata etc etc, però non sanno che non ci sono bidoni x la differenziata e quelli che si sono oramai diventano un tutt'uno con l'indifferenziata. Cosa dovremmo fare? Mettere per strada spazzatura differenziata e poi assistere alla riunificazione dell'immondizia differenziato con l'indifferenziata? Chi è che deve mettere i bidoni?Chi deve organizzare la raccolta? Non certo i cittadini che la chiedono oramai da 3 anni o forse più!
Però ora vorrei chiedere a tutti di impegnarci a trovare una soluzione. Non so quale soluzione ma dobbiamo impegnarci!
Come? Iniziamo a non bruciare più l'immondizia, in quanto tra i 2 dobbiamo scegliere il male minore.
La classe dirigente non ci illustra abbastanza sui rischi della spazzatura bruciata, benchè ognuno di noi dovrebbe sapere a cosa va incontro facendo falò estivi in strada.
Si ci sono i cumuli, è vero, c'è puzza e potrebbe venire qualche infezione però, se la bruciamo l'immondizia emette diossina che è una sostanza micidiale per la salute delle persone. Tutti oramai sapete quali sono i danni della diossina!
Altra cosa, non buttiamola per strada rovesciando contenitori e cumuli, perchè in quel caso si verficheranno 2 cose:

- Avremo la città ancor più sporca, con aumento di probabilità di cotrarre infezioni
- Avremo strade bloccate dal traffico di auto, oltre al fatto che i pedoni non sanno dove camminare

Quindi invito tutti a pensare alla vostra salute, alla salute dei vostri figli e dei vostri cari. Cercate il più possibile spandere la voce, come accaduto per il referendum, dove su internet c'è stato un tam tam mediatico che ha portato il raggiungimento del quorum.
Impegnamoci anche per questo nostro problema, NON BRUCIAMO LA SPAZZATURA, impegnamoci tutti e dimostriamo che siamo un popolo immenso di bontà e di civiltà, diciamolo a tutti, mettiamolo sui nostri blog, sui profili face book, sui profili twitter, diciamolo a voce, NON BRUCIAMO LA SPAZZATURA.
Iniziamo una rivolta pacifica, civile, dimostriamo a tutti che non siamo un popolo di monnezza come molti dicono ma che siamo un popolo d'oro, un popolo che può essere il motore dell'Italia, un popolo che ama la propria città!
Ciao e a presto

2 commenti:

  1. io direi che se i napoletani amassero davvero la propria città, si terrebbero anche la spazzatura in casa.
    Secondo me è una cosa lecita da chiedere da parte dell'amministrazione, non sarebbe un'assurdità,
    l'assurdità è avere la città più bella della terra piena di immondizia

    RispondiElimina
  2. Ciao anonimo,
    sono d'accordo con te che è un assurdità vedere una delle città più belle al mondo sommersa dall'immondizia, però penso non si possa chiedere ai napoletani di tenere la spazzatura a casa. O meglio lo si può chidere 1 o 2 giorni, ma non di più. Anche perchè anche le case hanno una capienza. Purtroppo è un problema che va avanti da più di 20 anni! C'è anche un luogo comune che dice: I napoletani non vogliono fare la differenziata. Ma questo non è vero! La facciamo, dividiamo l'immondizia, e poi? dove la si butta? Le "campane" per la differenziate sono sempre piene e soprattutto ne sono poche. Quindi, concordo con te che ci vorrebbe più senso civico da parte dei cittadini, come detto anche nel post, bisognerebbe evitare alcuni comportamenti scorretti, ma soprattuto irresponsabili, ma ci vorrebbe però anche una amministrazione della città da parte di comune, regione, provincia e governo, che sappia gestire e risolvere questo problema nel più breve tempo possibile e ridare quello splendore che la città più bella del mondo(concordo su questo pienamente) merita
    Spero di rileggerti presto.
    Ciao

    RispondiElimina