giovedì 29 dicembre 2011

LA STORIA DI BABBO NATALE

Ciao a tutti/e,
Natale è passato, però ci sono ancora altre 2 feste natalizie da festeggiare.
Spero che abbiate passato tutti un buon Natale.
Spero anche che il buon Babbo Natale vi abbia portato tanti bei doni da condividere con i vostri cari.
Ed è proprio di lui che oggi vorrei parlarvi: di Babbo Natale.
eehhhh, potrà dire qualcuno credi ancora a Babbo Natale? E certo, perchè esiste! Sia per i piccoli ma anche per i grandi.
Quindi se qualcuno vi dice che il vecchietto con la barba che porta doni la vigilia di Natale non esiste..non credetegli!!!!!

Certo, può esistere nelle leggende, ma anche nella realtà..se si fa uno sforzo con la fantasia.
Iniziamo col dire che Babbo Natale è il suo nome d'arte, lui in realtà non è altro che san Nicola, ed è protettore di tante categorie di persone ma anche di tante città. Anche noi in Italia abbiamo una bella città che san Nicola protegge: Bari.
Per la cronaca il giorno di san Nicola è il 6 dicembre(infatti in alcuni posti il babbo natalizio arriva proprio in questa data).

Noi chiamiamo l'omone che porta doni, anche con l'appellativo di Santa Klaus. Infatti originariamente il suo nome era Nikolaus, da qui il nomignolo Klaus, quindi il passo è breve per arrivare a Santa Klaus.
Nicola nacque in una zona dell'odierna Turchia, in una famiglia ricca. Le storie ci raccontano che divenne molto giovane prete(quindi era cristiano) e in seguito divenne Vescovo.
Il futuro Santa Klaus, era tanto ricco ma era molto più ricco dentro e penso di spendere nel modo più giusto i beni che aveva ereditato dalla famiglia.
Ci sono alcuni episodi che raccontano la sua storia, il più famoso è quello di seguito che vi farà capire anche tante cose sul nostro amico natalizio.

Un giorno c'era un nobile decaduto, era pieno di debiti, e aveva 3 figlie. Queste 3 fanciulle sognavano come tutte le ragazze un matrimonio, con la persona amata, con un bel principe azzurro che le avrebbero rese felici. Purtroppo a causa di questi debiti del padre erano destinate a fare una brutta fine.
Santa Klaus venne a sapere di questa situazione e pensò : "ora ci penso io!"
Da premettere che era un vescovo un pò..diverso dagli altri, vestiva di un abito rosso e indossava una mitra(quella specie di cappello che indossano i vescovi) in testa. Ecco cosi spiegato anche il suo vestito natalizio.
Pensò di prendere i suoi soldi e di metterli in 3 borsette. E decise di andare a casa delle 3 donzelle, però voleva restare anonimo: "il bene non fa mai rumore!" dovette pensare.
Quindi una notte si mise a correre su una slitta trainata da cani e lanciò nella finestra il primo sacchetto e scappò via.
Tornò li anche la seconda notte per donargli il secondo sacchetto.
La terza arrivò, ma la finestra era chiusa. Mica poteva romperne i vetri? "come faccio, come non faccio" disse tra se e se; e seppur un pò in sovrappeso scavalcò è andò sul tetto. Li trovò un bel caminetto e..fece scendere il terzo sacchetto pieno di monete d'oro. Ecco perchè scende dal camino di solito!
Grazie a quel gesto il nobile decaduto, non solo riuscì a pagare tutti i suoi debiti, addirittura riuscì a creare 3 doti alle sue dolci figlie che si sposarono presto.

Però poichè era vescovo, pensò anche: "dobbiamo portare Gesù a tutti i bambini", in effetti dove lui si trovava faceva freddo, freddissimo e molti non uscivano di casa. Poi molti erano poveri, avevano fame. Perchè non utilizzare lo stesso modo?
E disse ai suoi sacerdoti di fare lo stesso. Prese di nuovo la sua slitta e se ne andò da tutti i bambini del posto dove lui era vescovo, ed ad ognuno regalava dolci e regali, a molti li lanciava nel camino, ad altri glieli dava di persona..magari scendendo sempre dal camino!

Quindi come avrete letto Babbo Natale esiste davvero, non si sa dove passa tutto l'anno, e cosa faccia, magari pensa a inventarsi nuovi modi per fare del bene, o forse costruisce giocattoli per i bambini poveri, o forse non trovando casa cerca di portare Gesù nel cuore di ognuno di noi, in modo che possiamo diventare suoi aiutanti, chissà, ciò che è certo è che esiste!
Buone feste natalizie, a prestooooooo!..

Nessun commento:

Posta un commento