lunedì 4 marzo 2013

COSA E' IL CONCLAVE

Ciao a tutti/e,
il papa si è dimesso ed è iniziata ufficialmente la sede vacante. Gli appartamenti papali sono stati chiusi e si riapriranno solo quando verrà eletto il nuovo pontefice che ne prenderà possesso.
Prima di una nuova elezione però passerà ancora qualche giorno, iniziano oggi 4 marzo, le Congregazione dei cardinali nella Sala Nervi. Si parlerà di quali sono le problematiche della chiesa moderna e cosa si può fare per risolverle, in poche parole di che papa ci sarà bisogno. Si deciderà inoltre anche quando inizierà il conclave per l'elezione. E proprio di questo argomento vorrei parlare in questo post.

La parola conclave, deriva dal latino cum clave cioè con la chiave, quindi chiuso con la chiave. Indica la sala dove si riuniscono i cardinali per eleggere il sommo pontefice.
La tradizione dei Cardinali della chiesa cattolica, di chiudersi, nasce nel 1270 a Viterbo(all'epoca sede papale), quando per eleggere papa Gregorio X ci vollero ben 33 mesi a causa della discordia che c'era tra i cardinali. Quindi gli abitanti stanchi di tanta indecisione li chiusero a chiave nella sala grande del palazzo papale e scoperchiarono una parte del tetto, in modo da farli sbrigare ad eleggere il pontefice.

Oggi si riuniscono nella cappella Sistina, e fin dai primi tempi, chi era all'interno della sala dove si eleggeva il papa, la vita era molto spartana, c'era un unico piatto a pranzo e a cena e dopo 5 giorni si restava solo a pane ed acqua. Non percepivano nessuna rendita ecclesiastica per tutta la durata.
Non erano possibili contatti con l'esterno. Quest'ultima tradizione vige anche attualmente. I partecipanti al conclave in pratica sono isolati, non possono avere contatti con l'esterno, quindi niente pc, tablet, telefonini, nulla pena la scomunica. Naturalmente i pasti sono più nutrienti ed ognuno ha una stanza privata sorteggiata precedentemente.

Al conclave si riuniscono tutti i cardinali che non hanno ancora compiuto gli 80 anni, chi supera questa età può solo partecipare alle congregazioni dei giorni precedenti. Inoltre non può eleggere ma essere eletto.
Anche se di solito chi viene eletto papa è un cardinale partecipante alle votazioni, può essere eletto qualsiasi battezzato maschio non sposato.
Se viene eletto un non cardinale, lo si ordina vescovo d'urgenza.
Dopo l'elezione del sommo pontefice le schede utilizzate per le votazioni vengono bruciate in un braciere per preservarne il segreto. Dai segnali di fumo(vengono inserite sostanze chimiche) si capisce se il papa è stato eletto(fumata bianca) o se non è stato eletto(fumata nera).

Ad un conclave possono partecipare al massimo 120 cardinali, tra defezioni per motivi vari nel prossimo, dovrebbero essere in 115/116 e per eleggere un papa ci vogliono i due terzi dei votanti per tutti gli scrutini. A partire dal 34° o 35° scrutinio(in base a se si è votati o meno il giorno d'apertura del conclave) si andrà al ballottaggio tra i due più votati dell'ultimo scrutinio. Per l'elezione ci voglio sempre i due terzi degli elettori. I candidati, perdono il loro diritto al voto in questo caso.

I cardinali inoltre rappresentano tutti i continenti, o meglio tutte le zone del mondo. Dei 116 che eleggeranno il nuovo papa ci sono 62 europei, 14 nordamericani, 19 sudamericani, 11 africani, 11 asiatici ed anche 1 che proviene dall'Oceania.

Nei prossimi post inserirò un pò tutta la procedura che avverrà nella cappella Sistina tra qualche giorno. Intanto come già scritto inizieranno le congregazioni che decideranno su cosa ha bisogno la chiesa moderna. Quello sarà il parere dei cardinali.
Secondo voi invece di cosa ha bisogno la chiesa al giorno d'oggi? Che caratteristiche dovrà avere il prossimo papa? E che scelte dovrebbe fare secondo voi?
Aspetto vostre risposte!
A presto..

Nessun commento:

Posta un commento